Eventi
Novacolor alla Biennale di Architettura di Venezia

Visioni e nuove proiezioni per le città del futuro, spazi aperti e partecipati ma soprattutto un colore: il blu.

In occasione de La Biennale di Architettura che aprirà al pubblico il 26 maggio, Novacolor, azienda leader nel settore dei decorativi per interni ed esterni, annuncia il colore per le città del futuro: si tratta di una nuance inserita nella collezione MATmotion Color Trend ed ispirata al titolo dell’esposizione veneziana Freespace, una delle due importanti mostre di cui la società sarà partner tecnico. Le curatrici de La Biennale Yvonne Farrell e Shelley Mc Namara dello studio irlandese Grafton Architects, che ha firmato il premiatissimo progetto espositivo dell’Università Bocconi a Milano, hanno proposto un tema che mette al centro dell’architettura l’umanità concentrando l’attenzione sulla qualità dello spazio, soprattutto quello libero e gratuito. Concetti simboleggiati anche dal colore delle città del futuro, il blu, immediato richiamo allo spazio infinito, ma anche alla consapevolezza, alla calma e all’armonia.

Anche gli ambienti domestici e gli spazi comuni che scegliamo per trascorrere il nostro tempo devono diventare un tempio per l’anima, ambienti di cura e relax dove rallentare e riscoprire il proprio lato più istitutivo e umano, senza sovrastrutture.

All’interno dei Giardini dell’Arsenale, Novacolor partecipa con l’allestimento decorativo dei muri alla costruzione di un percorso innovativo e partecipativo nel Padiglione Venezia che diventa un Knowledge Space: spazio di conoscenza libera perché i dati - e quindi le conoscenze - sono fruibili da tutti e con qualsiasi scopo.

Top